Accademia Nazionale dei Lincei: Storia e Curiosità

Accademia Nazionale dei Lincei: Storia e Curiosità

L’Accademia Nazionale dei Lincei si trova a Roma nel Palazzo Corsini alla Lungara e nella vicina Villa Farnesina come una delle più vecchie accademie del Mondo e Italiane.

Vediamo un po di Storia

Venne fondata nel 1603 da Federico Cesi (patrizio umbro-romano) appassionato di botanica e scienze naturali.

Con l’aiuto di tre suoi amici (l’olandese Giovanni Heckius, il marchigiano Francesco Stelluti e l’umbro Anastasio de Filiis) fondano un sodalizio per portare avanti e coltivare gli studi naturalistici.

Chiamata Accademia dei Lincei per la specie animale ancora non estinta. La struttura ha avuto vari cambiamenti nel tempo come la prosperità durante il periodo di Cesi, Galileo Galilei, e altri dotti italiani e stranieri come (napoletano Della Porta, tedesco Faber).

Si svolsero studi per la botanica, astronomia e fisica ma anche per le macchie solari con lo stesso Galielei. Tesoro Messicano sulla Flora, Fauna e Farmacopea che la stampa avvenne del 1651. Il Cesi dopo la morte avvenuta nel 1630 con solo 45 anni, annuncia la fine della attività.

L’attività sbalzo fino ad arrivare all’ottocento dove da parte dell’Abate Feliciano Scarpellini ricreò una nuova sede dei Lincei nel 1847 quando Papa Pio IX fondò quello che adesso si chiama (Pontificia accademia delle scienze).

Vediamo un’altra importante data nel 1874 quando Quintino Sella (scienziato Piemontese) con la creazione dell’ Accademi Nazionale Reale Dei Lincei, per lo studio di scienze morali e umanistiche, con l’entrata di un primo filosofo Giuseppe Ferrari.

L’accademia arrivò fino al Novecento dove nel 1926 Benito Mussolini creò una nuova accademia. Nel 1929 venne inaugurato con Vittorio Scialoja dopo le dimissioni del presidente Vito Volterra. 1938 dopo le leggi razziali, l’accademia venne liberata da persone corrotte come Guido Castelnovo.

Nel 4 giugno 1944 dopo la Liberazione di Roma l’accademia con Benedetto Croce riuscì a prendere la propria indipendenza, e vennero allontanate tutte le persone corrotte che si trovavano all’interno del palazzo. I lavori vennero finiti nel 1946 con Vincenzo Rivera che si era insediato nel 1944.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *